Calcio Dilettantistico Piemonte, si è deciso per la rinuncia ai Classe ’96: resteranno 3 i Fuoriquota che le Società Piemontesi dovranno schierare obbligatoriamente nella stagione 2013-2014: un ’93, un ’94 e un ’95.

Sabato 23 Febbraio si è svolta un’importante riunione per definire alcune regole del Calcio Dilettantistico Piemonte, alla quale hanno partecipato tutte le società sportive di Piemonte e Valle d’Aosta iscritte regolarmente ai campionati di Eccellenza e Promozione. Nell’incontro, è stato stabilito il numero dei giovani Fuoriquota da schierare nella stagione 2013-2014, in base a quanto stabilito dalla Lega Nazionale Dilettanti (Comunicato Ufficiale num.183) per le annate obbligatorie dell’anno successivo a carattere nazionale: un giocatore del 1994, ed uno del 1995.

Calcio Dilettantistico Piemonte: no ai '96
La decisione di rinunciare ai ’96 è stata presa quasi all’unisono, bocciando dunque la proposta politica del presidente Bacchetta: il numero dei giovani obbligatori in Piemonte e Valle d’Aosta resta così invariato rispetto alla stagione in corso. Così, i campionati di Promozione ed Eccellenza targati 2013-2014 vedranno la presenza obbligatoria in campo di 3 Fuoriquota: un classe ’93, un classe ’94 ed un classe ’95. Tale decisione, sarà pubblicata sul prossimo Comunicato Ufficiale Regionale, dopo la ratifica del consiglio direttivo.

La rinuncia ai giovani del ’96 deriva da un lato dalla necessità di non bruciare immediatamente ragazzini probabilmente non ancora pronti per il grande salto da Allievi e Prima Squadra; dall’altro dalle esigenze delle società, in quanto non tutte le squadre possono permettersi di avere a disposizione un vivaio qualitativamente e quantitativamente valido. Tuttavia è anche giusto evidenziare come dietro alla decisione ci sia la volontà di valorizzare ulteriormente i classe ’93, attualmente la vera risorsa ed il vero futuro delle società dilettantistiche, sia per talento, sia per l’enorme vantaggio di abbassare i costi societari e non pesare sul bilancio. Magra consolazione per le società che avevano deciso di puntare in pianta stabile sulle promesse del 1996, quella di poter ottenere modesti premi in denaro grazie all’introduzione per il prossimo anno della Classifica “Utilizzo Giovani Calciatori”.

Iscriviti Gratis su KickOver