Un mese dopo l’entrata in vigore del progetto microcredito per salvare il calcio dilettantistico vediamo quali sono i risultati ottenuti.

Il calcio dilettantistico è al centro d’interesse da parte del Social Network Sportivo Kickover. Proprio per questo, oltre a fungere da gestionale per creazione ed organizzazione di tornei e campionati, vogliamo essere d’aiuto a tutti gli operatori del settore condividendo con loro e con i nostri utenti quelle che sono le news più importanti dalla Terza Categoria alla Serie D.

calcio dilettantisticoIl progetto microcredito, lanciato nel mese di giugno, attivo dal 1° luglio 2013 (data di inizio della stagione sportiva 2013/14 e dell’apertura dei termini d’iscrizione ai diversi campionati) è stato studiato e programmato per andare in contro alle società dilettantistiche che in questi tempi di crisi trovano molte difficoltà al momento dell’iscrizione ai campionati. Qualche giorno fa abbiamo pubblicato un articolo dettagliato sulle caratteristiche e sulle modalità di partecipazione ed esecuzione di questo progetto. Per riassumere in qualche riga quello che rappresenta questo progetto possiamo dire che vi è una convenzione tra le Banche e la LND, la quale prevede la concessione di finanziamenti agevolati sino ad un massimo di 10.000 euro, con un tasso agevolato, utilizzabile per il pagamento degli oneri derivanti dai diritti di iscrizione ai campionati, il cui rimborso dovrà avvenire in 10 rate durante la stagione sportiva.

Andiamo a vedere, quindi quali sono i risultati del progetto microcredito ad un mese dall’entrata in vigore.

Le prime difficoltà espresse dal Presidente della LND, Carlo Tavecchio, riguardano il passaggio di informazioni degli Istituti di Credito che dal centro devono trasmettere alle filiali in periferia modalità e contenuti delle convenzioni. Nonostante queste piccole inconvenienze, il progetto ha riscontrato i favori di numerose società. “Ci stiamo scontrando con delle lungaggini di comunicazione insite nel sistema Paese – ha affermato Tavecchio – ma il progetto è stato accolto con entusiasmo e, laddove possibile, ci stiamo attivando per risolvere le problematiche che necessariamente stanno sorgendo a causa delle diversità che convivono in tutto l’Italia”.

Le Regioni che hanno aderito al progetto sono Lazio e Abruzzo (soprattutto il basso aquilano), con la firma della Banca di Credito Cooperativo di Roma, l’Emilia Romagna, con la convenzione con il gruppo cui aderisce la Banca Popolare. Inoltre, entrano a far parte del paniere di Banche, anche la Banca della Campania, la Banca Popolare di Ravenna, la Banca Popolare del Mezzogiorno e la Banca di Sassari. Dobbiamo però dire che le prime in ordine cronologico che hanno aderito al progetto, sono stati gli Istituti toscani aderenti alla Federazione Toscana Banche di Credito Cooperativo.

Con la speranza che il progetto continui senza intoppi e che il calcio dilettantistico si riprenda da questo difficile momento di crisi, vi invitiamo a seguirci sui nostri canali Facebook, Twitter e Google Plus.

Per saperne di più sul Social Network Sportivo KickOver, visita il nostro Blog ufficiale ed iscriviti subito…. è gratis!!

Iscriviti Gratis KickOver